Corso WordPress

Articoli e pagine

Per capire come funziona WordPress è importante sapere la differenza tra pagine ed articoli, chiamati in gergo post.

Se prendiamo come esempio un sito aziendale, in questo ritroviamo le classiche pagine

  • Home
  • Chi siamo
  • Servizi Offerti
  • Contatti
  • Dove Siamo
  • ecc...

Queste sono pagine e all’interno di un sito ne abbiamo un numero limitato.

Per quanto il sito possa essere grande è difficile pensare di arrivare ad avere più di 10, 20 pagine.

C'è differenza invece quando parliamo degli articoli.

Quando cominciamo la creazione di un sito, infatti, non sappiamo già da subito il numero di articoli che riusciremo a creare fra uno o due anni.

Pertanto gli articoli necessitano di strumenti diversi rispetto alle pagine.

Hanno bisogno di essere organizzati in insiemi e sotto insiemi, chiamati categorie e tag.

È per questo motivo che WordPress nella sua interfaccia di amministrazione li colloca in due posizioni separate.

La loro gestione e concezione è diversa.

Le pagine possono essere considerate delle piccole entità a se stanti, ognuna con funzioni, grafiche ed impaginazione differenti.

Prendiamo come esempio la stessa Webipedia: la home page è appunto una pagina, creata ad hoc, riga per riga, blocco per blocco.

La pagina dei video corsi è anch’essa una pagina, una pagina ben specifica con la sua struttura unica e personalizzata.

Invece ora guardiamo un articolo …. Anche lui ha la sua struttura, con i contenuti sulla destra e la sidebar sulla sinistra.

Aprendone un altro e vediamo che la struttura è la stessa ... e così anche per il terzo esempio.

Da questo possiamo capire che gli articoli hanno un loro template di base, una gabbia in cui il contenuto viene inserito in un blocco, la sidebar in un altro e via dicendo, mantenendo la stessa impostazione grafica per tutti gli articoli.

Se infatti andiamo in modifica di un articolo, possiamo vedere come non ci siano composizioni e suddivisioni di righe, colonne, blocchi con slider od altro, ma un unico contenitore dentro al quale abbiamo scritto il contenuto dell’articolo.

Di contro, se entriamo in modifica di una pagina, possiamo ben vedere come in questo caso non ci sia un unico contenitore, ma è più una composizione grafica, una gabbia all’interno della quale sono stati posizionati i vari elementi, o meglio i moduli che il builder di questo tema ci mette a disposizione.

Come spieghiamo in una lezione successiva, il contenuto di una pagina, o anche di un articolo, può essere creato con 3 strumenti differenti.

La pagina che stai vedendo è costruita con un builder, un costruttore di pagina che fornisce strumenti specifici per creare la gabbia dei contenuti e posizionarci all’interno dei moduli, come quello di testo, immagine ecc…

I costruttori di pagine non sono forniti con WordPress base, ma li trovi all’interno dei migliori temi avanzati.

Troverai le lezioni dedicate all’apprendimento di questi argomenti nel corso sui temi avanzati.

Questo articolo, invece, è costruito con il vecchio editor di WordPress.

Questo editor è andando in disuso per fare largo a quello nuovo chiamato Gutenberg.

Come vedi non c’è la possibilità di impaginazione che abbiamo visto prima per la home page, ma il tutto si limita alla scrittura dei contenuti dell’articolo.

Ed infine abbiamo Gutenberg che è il nome del nuovo editor di WordPress.

Non ti preoccupare, andando avanti nel corso troverai lezioni dedicate a questi argomenti.

Oltre alle pagine e agli articoli, ci potrebbe essere la necessità di aggiungere altri tipi di post.

Se per esempio costruiamo un eCommerce, allora avremo anche una sezione dedicata ai prodotti.

Installando WooCommerce, che è il plugin più utilizzato per questo scopo, puoi vedere come questa estensione crei un nuovo tipo di post, chiamato appunto prodotti, che viene collocato in una voce di menu diversa per renderne la gestione completamente separata.

Anche gli eventuali nuovi tipi di post possono, per meglio essere organizzati, avere le proprie categorie e tag personalizzate.

A volte anche i temi creano dei post personalizzati.

Enfold, questo tema, di default crea gli Elementi di Portfolio, utilizzabili se stai facendo un sito dove vuoi mostrare per esempio le tue illustrazioni, le tue foto, ma non solo.

Anche se questa sezione si chiama elementi di portfolio puoi anche non utilizzarla esclusivamente per questo scopo.

Considerala come un contenitore di contenuti che per tipologia sono diversi dalla pagine e dagli articoli.

Se qualcosa non ti è chiaro, non ti preoccupare che procedendo con il corso tutto sarà comprensibile.

Altrimenti lasciami una domanda nel campo che trovi subito sotto al video.

Ciao, hai una domanda su questa lezione?

Iscriviti al sito o effettua il login


  1. danypignas
    danypignas dice:

    Come si modifica la pagina principale del sito? Cioè voglio aggiungere testi e immagini alla pagina che troveranno le persone subito dopo aver digitato il mio sito.

    Rispondi
    • Lorenzo
      Lorenzo dice:

      Ciao Dany,
      basta che vai in Impostazioni > Lettura e alla prima voce selezioni Pagina Statica e poi selezioni la tua pagina.

      Buona giornata

  2. davidepiazzese
    davidepiazzese dice:

    Ciao, volevo chiederti in merito a Divi se la licenza è valida per un solo sito o per siti illimitati. Grazie in anticipo e complimenti per il corso.

    Rispondi
  3. Dante
    Dante dice:

    ciao Lorenzo, non ho capito una cosa : io per creare una pagina (tipo chi siamo) ho bisogno di un builder ? non posso crearla dalla dashboard di sinistra dove c’è scritto pagine ” aggiungi pagina”?

    Rispondi
    • Lorenzo
      Lorenzo dice:

      Ciao Dante,
      non hai bisogno di un builder per costruire una pagina.

      Fai attenzione, il builder è uno strumento che ti viene fornito quando installi un tema avanzato.
      Se non hai un tema che fornisce un builder (chiamato anche Costruttore di pagina) allora devi utilizzare gli strumenti che WordPress di fornisce di default, quindi il suo editor chiamato Gutenberg.

    • Enrica
      Enrica dice:

      Utilizzando un tema gratuito come Astra o OceanWP in realtà si può anche decidere di utilizzare un Page Builder tramite un Plugin chiamato Elementor!
      A differenza di Gutenberg, si ha la possibilità di curare quasi ogni aspetto grafico della pagina e vedere le modifiche in tempo reale.

    • Lorenzo
      Lorenzo dice:

      Ciao Enrica,
      è vero che oltre ai temi ci sono anche dei plugin che danno lo strumento del builder di pagina.

      Infatti molti temi non utilizzano il proprio builder proprietario come fanno Enfold o Divi, ma prendono un plugin (come per esempio il Visual Composer) e lo inseriscono all’interno del loro tema, cucendolo su misura appunto sulla funzioni del tema stesso.

      Visto che questi plugin hanno un costo per la versione pro, io preferisco prendere un prodotto unico, così qualsiasi cosa succede contatto direttamente un unico supporto, senza dover capire quale strumento è il colpevole.

      Inoltre molto importante … non fate mai gli articoli con il builder di pagina, che sia quello del tema o un plugin! Utilizzare i sistemi di default di WordPress come l’editor e Gutenberg (sempre per il fatto che se un giorno si decide di cambiare tema, e quindi builder, questo significherebbe dover rifare tutti gli articoli. Per le pagine ok, ma se il sito a centinaia di articoli la vedo dura).

      Comunque grazie per il tuo intervento. In futuro possiamo fare degli articoli su questi tipi di plugin.

  4. Maxxo
    Maxxo dice:

    Buongiorno,
    ho già seguito gran parte delle lezioni, ma solo ora mi sto cimentando dal vivo su un tema, e quello che mi sembrava chiaro diventa più complicato….. Vorrei realizzare diverse pagine, simili come struttura ma diverse nel contenuto. E’ possibile creare una sorta di “template”, da richiamare come base per creare tutte le pagine? O qualcosa simile a “duplicare” o “salvare con nome” una pagina?

    Rispondi
    • Lorenzo
      Lorenzo dice:

      Ciao Maxxo,
      i temi avanzati che suggeriamo hanno tutti un Builder per costruire le pagine.
      Questi builder (vedi il corso sui temi avanzati) hanno un sistema per salvare la pagina come template. Questa funzione risolve la problematica che mi ha sottoposto.
      Inoltre, esiste anche un plugin per questo. Si chiama Duplicate Post.

      Buona giornata

  5. Alberto
    Alberto dice:

    ciao, ho una domanda sugli articoli… mi vengono visualizzati con una intestazione che indica l’autore la data ed i commenti…. posso levare sta cosa odiosa?

    Rispondi
    • Lorenzo
      Lorenzo dice:

      Ciao Alberto,
      avere quelle informazioni è importante per i tuoi visitatori.
      Se il tuo sito ha un solo autore, allora puoi decidere che non è il caso avere quella voce visualizzata, ma altrimenti la lascerei.
      Sapere quando un articolo è stato pubblicato è un punto di riferimento per sapere se l’informazione è aggiornata. Inoltre, dipende da come è fatto il codice del tuo tema, è un dato che viene mostrato nella Serp (la pagina dei risultati di Google) e può farti crescere il numero di click per impression (CTR).

      Alla luce di questo, però, molti temi hanno nelle General Option (opzioni generali) il controllo su cosa visualizzare. Questi si chiamano “meta” e devi cercare questa voce nelle impostazioni del tema. Ogni tema è diverso e pertanto dovrai avere pazienza e cercare voce per voce per vedere se il tuo tema ti da la possibilità di levarle.

      Se vai avanti nel corso e in quello sui Temi Avanzati, parliamo delle opzioni generali dei temi.

      Buona giornata

  6. Ubaldo
    Ubaldo dice:

    Ciao,
    se a distanza di tempo decidessi che una pagina non voglio più che sia pubblicata sul sito, posso semplicemente passarla da pubblica a non pubblica, o dovrei eliminarla?

    E come mi dovrei comportare, se la eliminassi, con l’errore 404, se NON volessi ridirezionare la pagina o l’articolo da qualche altra parte?

    Sarebbe sufficiente eliminarla da Wp e poi toglierla anche dalla sitemap?

    Oppure devo intervenire nel DB?

    Grazie 1000 per l’attenzione.

    Rispondi
    • Lorenzo Novia
      Lorenzo Novia dice:

      Ciao Ubaldo,
      la pagina la puoi rendere non pubblica o eliminarla, il risultato non cambia, nel senso che l’utente non la può raggiungere dalla sua URL.
      È importante che tu faccia un redirect 301 come spiegato nella lezione Redirect 301 e la SEO.
      Inoltre se per fare la sitemap usi Yoast, allora non devi fare nulla, perché la prossima volta che la genera la tua pagina non sarà presente.

      Buona giornata

Non vuoi fare da solo?

Non vuoi fare da solo?

Per realizzare il tuo progetto o per risolvere qualsiasi problematica, rivolgiti al nostro Team di professionisti.

oppure chiamaci allo 02.9843140

You have Successfully Subscribed!

Pin It on Pinterest