Corso WordPress

W3 Total Cache – parte 2

In questo video andremo a vedere la seconda parte dedicata a W3 Total Cache.

Nella prima lezione abbiamo affrontato i General Settings, mentre ora andremo nel dettaglio di ogni singola impostazione.

Hai una domanda su questa lezione?

Accedi al video corso


  1. Carmelo
    Carmelo dice:

    ciao,
    io ho un sito con wpml impostato con diversi tld
    ho comprato il plugin w3tc, ora che si sono attivato tutto ci capisco ancora meno, come si imposta fragment cash???

    Rispondi
    • Lorenzo
      Lorenzo dice:

      Ciao Carmelo,
      quella è una funzione per gli sviluppatori in modo da poter controllare la cache solo di alcune porzioni della pagina.
      Fai le impostazioni che mostro nel video e non ti preoccupare del resto.

      Inoltre se per te è troppo complicato (lo capisco benissimo questo è forse l’argomento più difficile per chi non è un webmaster o programmatore) ti ricordo che se hai il piano di hosting con SiteGround, loro rendono la vita veramente semplice per l’ottimizzazione del tuo sito, fatta a pochi colpi di click.

      Ti consiglio nel caso di guardare quelle lezioni e poi decidere cosa usare.

      Buona giornata

  2. cusatiandrea
    cusatiandrea dice:

    Grazie mille Lorenzo.
    Spuntata.

    Ho preso una template che supporta il W3 quindi non ho avuto problemi a livello grafico con niente di quello che citi nel video.
    Ho fatto tutto tranne una sola voce.
    La prima che citi nelle General settings: page cache.
    Quella mi scombina tutta la grafica e l’ho lasciata non spuntata.

    Rispondi
    • Lorenzo
      Lorenzo dice:

      Ciao Andrea,

      la page cache però è importante per le performance.
      Praticamente quando un utente richiede una pagina web al server, questo per comporla deve fare un tot di operazioni, fra cui le più impegnative che sono le query al database. Poi prende tutte le informazioni ricevute e le impagina in una pagina HTML che invia al browser.

      Con la page cache attiva eviti al server di fare ogni volta tutto o parte di questo lavoro. Infatti se per esempio un utente chiede la pagina “chi siamo” lui crea la cache di quella pagina HTML, la restituisce all’utente e la tiene li a disposizione per il prossimo utente che la richiede.

      Intanto che la lasci non attiva ti consiglio di mandare un ticket agli sviluppatori del tema per vedere se ti possono dare una mano.

      Buona giornata

  3. cusatiandrea
    cusatiandrea dice:

    Ciao Lorenzo.

    Procedendo col video ho notato che nella pagina “Browser cache” c’è una voce da spuntare che non appare nel video.
    Tra la voce “Prevent caching of objects after settings change” e il riquadro da compilare trovo la voce “Rimuovi le stringhe di query dalle risorse statiche
    Risorse con un “?” nell’URL non vengono memorizzati nella cache da alcuni server di memorizzazione nella cache del proxy.”

    Consigli di spuntarla?

    Grazie.

    Rispondi
    • Lorenzo
      Lorenzo dice:

      Ciao Andrea,
      si ho visto che con l’aggiornamento è venuta fuori quella voce.
      Quella voce è correlata con quella che si trova prima, ovvero “Prevent caching of objects after settings change”.
      Infatti questa ha la funzione di appendere alla risorsa, per esempio un css, una stringa del tipo stile.css?x34567.
      Infatti devi sapere che grazie a W3TC possiamo passare dei file, come appunto i css, javascript ecc.. dando al browser dell’utente delle informazioni così che, se nulla è cambiato sul server, alla prossima richiesta non dovrà scaricarle nuovamente.
      La funzione di quella stringa serve per fare in modo che, se dovessi fare delle modifiche, W3TC di cambia quei numeri, in questo modo, quando un broser che ha già la risorsa in cache richiede il file, essendo con un “nome differente” lo scarica di nuovo, altrimenti si incorre nel rischio che l’utente utilizzi un file vecchio.

      Per questo motivo la lascio sempre abilitata. Facendo perà dei test con la nuova voce “Remove query strings from static resources” attiva (impostazione di default), analizzando le rischieste dall’inspector non vedo differenze. Anzi vedo che le query string vengono lasciate, giustamente (sarebbe infatti un controsenso dire a W3TC di modificare la query string se poi gli diciamo di non metterla).

      Anche se questo non può piacere a certi proxy o altro, io preferisco lasciarlo, così sono sicuro che gli utenti vedono la versione aggiornata del sito.

      Non avendo trovato e verificato con test ulteriori specifiche per questa nuova voce, ti consiglio di lasciarla come di default attiva.

      Se invece vuoi non avere le query string, allora devi levare la spunta da “Prevent caching of objects after settings change”.

      Buona giornata

  4. cusatiandrea
    cusatiandrea dice:

    Ciao Lorenzo.
    Come seconda voce da spuntare, che nel video non vedo, mi trovo: ”
    Non memorizzare nella cache la prima pagina
    Per impostazione predefinita, la prima pagina viene memorizzata nella cache quando si utilizza la prima pagina statica nelle impostazioni di lettura.”
    Avendo scelto la home page statica mi consigli di spuntarla?

    Grazie.

    Rispondi
    • Lorenzo
      Lorenzo dice:

      Ciao Andrea,
      se la spunti non ti fa la cache sulla home page, poiché la cache della pagina che hai selezionato in Impostazioni > lettura come homepage è fatta di default.

      Infatti in certi temi puoi indicare la home che va a sovrascrivere le impostazioni base di WordPress (per esempio Enfold).

      Buona giornata

  5. Marco
    Marco dice:

    Buongiorno! Avrei una domanda: Ho installato il Plugin W3 Total Cache e ho settato tutto come avete abilmente spiegato in questo video. La mia domanda ora è la seguente: come mi comporto da oggi in poi con questo plugin? mi spiego meglio..il mio sito presenta anche un e-commerce; quindi quasi quotidianamente carico nuovi prodotti o nuovi contenuti sul blog legato al sito. Quali procedure devo seguire da ora in avanti dopo aver impostato TUTTO come spiegato in questo video? Devo per esempio compiere qualche azione ogni settimana? oppure ogni mese? Devo svuotare le cache periodicamente o posso “non toccare” più il plugin? E infine ogni volta che carico un prodotto o scrivo un articolo, devo fare qualcosa legato alla cache e a questo plugin? Grazie in anticipo

    Rispondi
    • Lorenzo Novia
      Lorenzo Novia dice:

      Ciao Marco,
      per sicurezza ti consiglio quando cambi qualcosa di fare “pulizia generale”.
      Per esempio se cambi dei css, allora ti consiglio di fare l’Update Media Query String, altrimenti utenti di ritorno che hanno nel loro browser i vecchi css continueranno a vedere quelli fino a che non scade il file.

      Quello che faccio dopo delle lavorazioni è andare in Performance > Dashboard e premdere Empty All Cachers e appunto Update Media Query String.

      Ricordati che se stai lavorando al tuo sito, sei autenticato, quindi molto probabilmente non vedrai la versione cache del sito (dipende dai settaggi che hai fatto). Quindi la prova del 9 è quella di controllare da utente non autenticato, magari da un altro browser.

      Buona giornata

  6. Velia
    Velia dice:

    Ciao Lorenzo, belle lezioni. Senti una domanda allora ho fatto il google speed test prima di fare quanto spiegato nel video e ripetuto dopo averlo fatto.

    situazione migliorata prima avevo tutto rosso. però mi segnala questo
    Soluzioni da implementare:
    Elimina JavaScript e CSS che bloccano la visualizzazione nei contenuti above-the-fold
    La tua pagina presenta 3 risorse script e 1 risorse CSS di blocco. Ciò causa un ritardo nella visualizzazione della pagina.
    Non è stato possibile visualizzare alcun contenuto above-the-fold della pagina senza dover attendere il caricamento delle seguenti risorse. Prova a rimandare o a caricare in modo asincrono le risorse di blocco oppure incorpora le parti fondamentali di tali risorse direttamente nel codice HTML.

    quindi questo problema è dovuto al plugin?

    Rispondi
    • Lorenzo
      Lorenzo dice:

      Ciao Velia,
      la risposta è in questo video al minuto 8:03.

      Quindi, come capirai dopo avere rivisto quella parte del video, ci possiamo fare poco.

      Nel senso che non possiamo riscrivere l’HTML del above the fold delle varie pagine per inserire gli stili inline.

      Così come non possiamo gestire dove i plugin o i temi, a meno che non ci diano questa possibilità, inseriscano i link ai css e ai javascript. Dovremmo mettere mani nel codice e personalizzare ognuno di questi. Non ne vale la pena.

      Buona giornata!

Corso WordPress GRATUITO

INSERISCI NOME E MAIL PER ACCEDERE ALLE PRIME 19 LEZIONI.

Zero spam. Garantito.

Corso Wordpress Gratis

Inizia il Corso di WordPress GRATIS!

Inserisci nome ed email per avere l'accesso gratuito alle prime 19 lezioni del corso. Impara a costruire da solo il tuo sito web!

Ci sei quasi! Ti abbiamo mandato un'email per confermare il tuo indirizzo di posta.

Pin It on Pinterest