come scegliere un template wordpress

Se stai pensando di realizzare un sito web, scegliere un template WordPress è il primo passo da fare.

Ed è un passo molto importante, perché la scelta del tema, è fra gli aspetti che possono determinare il successo o il fallimento di un progetto web.

Infatti un template WordPress non è da scegliere solo perché “bello esteticamente”.

Va giudicato anche secondo le sue funzionalità e la facilità di implementazione.

Certo, se sei alle prime armi ti potranno sembrare tutti concetti nuovi, ma seguendo questa guida fino in fondo, avrai le idee molto più chiare su cosa fare.

Ecco le tematiche che affronteremo:

  1. Chi crea i template WordPress?
  2. Dove trovare i migliori template WordPress?
  3. Template a pagamento VS template gratuiti.
  4. Come scegliere il template giusto.
  5. Affidarsi all’esperienza.

Chi crea i template WordPress?

Nell’arco degli anni abbiamo visto il mercato dei template WordPress evolversi fino a diventare un vero colosso.

All’inizio, per la maggior parte dei progetti, venivano usati i template gratuiti che WordPress.org mette a disposizione.

Questo perché, tanto tempo fa, questo CMS veniva usato come piattaforma di creazione di blog.

Con il passare del tempo, però, gli sviluppatori hanno cominciato a creare dei template che aggiungevano nuove funzionalità e caratteristiche.

A queste si sono aggiunti anche i numerosissimi plugin, gratuiti e a pagamento che consentono di coprire praticamente tutte le necessità che un sito web può presentare.

Questi sviluppatori hanno capito la grande potenzialità del mercato e hanno deciso di basare la loro attività esclusivamente sulla creazione dei template WordPress.

Abbiamo visto nascere, quindi, le prime Web Agency dedicate completamente a questa attività.

La chiave del successo è stata capire che era meglio creare un prodotto mondiale, piuttosto che dedicarsi alla cura e realizzazione del sito web per il singolo cliente.

Queste web agency vendono i loro prodotti, ovvero i template WordPress, direttamente dai loro siti.

Molte di queste inoltre, danno la possibilità, a chi acquista un tema, di avere il supporto dedicato, solitamente gestito tramite un forum.

Ma c’è chi ha voluto vedere oltre.

Perché non creare un sito che, grazie alla catalogazione tramite tag, dia la possibilità all’utente di cercare fra migliaia di template a disposizione? E così è stato…

Impara a fare da solo

Dove trovare i migliori template WordPress

Themeforest

themeforest temi wordpress

Da anni esiste la piattaforma di Themeforest che è una fra le più complete nel mercato mondiale dei template WordPress.

Non si limitano a fornire i temi, ma offrono qualunque tipo di risorsa che possa essere utile per la realizzazione di un sito web.

WordPress, essendo la piattaforma più popolare ha una sezione dedicata, mentre gli altri CMS sono catalogati insieme.

Nel momento in cui stiamo scrivendo, ci sono oltre 9.900 temi tra cui scegliere e il numero si alza quasi ogni giorno perché gli sviluppatori continuano ad apportare modifiche ai loro prodotti e ad aggiungerne di nuovi, cercando il modo di sfruttare tutte le tendenze grafiche e gli elementi più moderni per stare al passo con i tempi.

Elegant Themes

elegant themes

Un’atra azienda che offre un servizio davvero esclusivo è la Elegant Themes.

Offrono l’accesso a tutti i loro temi (oltre 80) e ai loro plugin al costo di un canone di abbonamento davvero conveniente (che puoi comunque decidere di non rinnovare).

Tra i temi di punta cito solamente Divi, ma ne avrai già sentito parlare…

I temi, sviluppati tutti dal medesimo team, sono realizzati con grande cura (gli oltre 400.000 clienti ne sono una dimostrazione).

Themify

Themify template worpdress

Themify.me è un’altra piattaforma davvero valida per l’acquisto di temi.

Sono tutti strutturati con un Layout Builder con sistema drag&drop, semplice e intuitivo, si può cambiare ogni elemento del tema, dall’intestazione ai piè di pagina.

Ognuno ha la possibilità di caricare i contenuti demo, in modo da ottenere in pochi minuti un sito identico alle preview che l’azienda propone.

Themify propone diversi soluzioni di acquisto, alcuni temi sono completamente gratuiti, ma sono abbastanza limitati, altri sono a pagamento, ma con una cifra decisamente sostenibile si può accedere al download di tutti i temi presenti.

Themefuse

Temi WordPress Themefuse

Themefuse offre pochi temi, ma sono tutti altamente selezionati e suddivisi per categorie merceologiche.

Sono acquistabili singolarmente o tramite un canone di abbonamento annuale che consente l’accesso a tutte le risorse disponibili.

Ci anche altri siti web degni di nota su cui potere acquistare dei template WordPress. Abbiamo StudioPress, i creatori del Genesis Framework, abbiamo gli ottimi My Theme Shop e Theme Isle, abbiamo WooThemes, i creatori del plugin WooCommerce, mentre invece per i temi gratuiti abbiamo la repository su Temi WordPress.

Temi a pagamento vs temi gratuiti

Perché dovrei pagare quando ci sono anche tanti temi gratuiti? Domanda legittima.

La risposta è che, alla lunga, il gioco non vale la candela.

Cominciamo con il dire che i temi proposti hanno prezzi affrontabili da chiunque: la media dei temi si aggira intorno ai 50-60 dollari. Se il tuo obiettivo è quello di sviluppare un’attività online credo che questa sia una spesa davvero esigua in relazione ai vantaggi che ti offre.

Inoltre, la maggior parte dei temi gratuiti è troppo legata alla vecchia struttura del classico blog.

Solo recentemente si intravede qualche tentativo di allinearli agli standard più moderni, con la possibilità quindi, di utilizzare la piattaforma per realizzare un sito web completo in ogni sua parte.

Leggi la nostra recensione sui migliori temi WordPress gratuiti.

Inoltre, i temi gratuiti, spesso vengono creati e poi “dimenticati”. Questo potrebbe causare ritardi o assenza di aggiornamento con il rilascio delle nuove versioni di WordPress.

E questo rischia di far perdere la compatibilità, presentare errori o, addirittura, compromettere la funzionalità del sito stesso.

In più dobbiamo affrontare l’aspetto della sicurezza: un tema Premium, esattamente come avviene per il codice di WordPress, viene continuamente aggiornato per superare ogni nuovo problema di vulnerabilità che si possa presentare.

Un sito internet deve essere pensato come uno strumento in continua evoluzione e che, nel tempo, potrebbe subire notevoli cambiamenti.

Quando si acquista un tema si ha a disposizione il supporto tecnico degli sviluppatori stessi, il forum dedicato e a volte anche un supporto telefonico.

Le aziende produttrici hanno tutti i vantaggi nel ricevere recensioni positive e nel mantenerti come cliente, quindi ti daranno sicuramente una mano in caso di bisogno.

Per un tema gratuito tutto questo è di qualità inferiore (se non inesistente).

Un’altro aspetto da non sottovalutare sono le funzionalità.

Nei temi premium spesso sono compresi degli strumenti, altrimenti a pagamento, atti a migliorare l’esperienza utente e a rendere il tuo sito più piacevole come gli slider animati, il layout builder e altri plugin premium che, in caso di temi gratuiti, saresti costretto ad acquistare.

Il principale motivo per cui consiglio vivamente l’acquisto di un tema però è sicuramente l’impatto grafico.

A mio avviso, ad oggi non esiste nessun tema gratuito con una veste grafica paragonabile a quella dei temi a pagamento, e sappiamo bene che, l’aspetto, è la prima cosa per cui i tuoi utenti valuteranno il tuo sito.

Ricapitolando ecco i punti che distinguono i template WordPress gratuiti da quelli a pagamento:

  1. I temi gratuiti hanno non includono strumenti di lavoro ormai ritenuti standard, come il layout builder, slider avanzati ecc…
  2. Non sono aggiornati e seguiti con la stessa cura di quelli a pagamento.
  3. Il supporto nei template gratuiti, logicamente, è di natura diversa.
  4. L’aspetto della sicurezza e del mantenimento nel tempo è più garantito nei temi premium.

Il problema però è che, con così tanta varietà di scelta, trovare il tema giusto può diventare complicato.

Di seguito mostriamo alcuni punti di riferimento per filtrare le alternative e scegliere temi perfetti per il tuo sito web.

Come scegliere il tema giusto

Cominciamo con il dire che l’aspetto grafico è una delle variabili da considerare.

Valutalo a seconda dei tuoi gusti, di quelli del tuo cliente o del tipo di progetto che dovrai realizzare.

Ma non scordarti degli altri fattori prima di acquistare un template WordPress. Vediamoli tutti.

1. Compatibilità dei Template

Il tema che sceglierai dovrà essere compatibile con le ultime versioni di WordPress rilasciate, in modo che possa sfruttare appieno ogni nuova funzionalità.

Questo può anche essere necessario per determinati plugin, come ad esempio WooCommerce.

Se sai già in fase di progettazione che necessiti di un plugin particolare, non scordare di verificare, magari anche chiedendo al supporto, se il template che stai per comprare è compatibile.

Per verificare questo aspetto, per esempio su Themeforest, basta che apri la pagina del tema che stai valutando e dai un’occhiata alla barra di destra.

In basso troverai una serie di informazioni come

  • La data di creazione.
  • La data dell’ultimo aggiornamento.
  • La compatibilità con i browser.
  • La compatibilità con le versioni del software e con i plugin.

themeforest caratteristiche

La compatibilità con i browser è un’aspetto fondamentale da tenere in considerazione.

Anche se la maggior parte dei produttori segnala compatibilità totale il nostro consiglio è quello di verificare di persona.

Come fare? Molto semplice: nella stessa schermata, sotto l’immagine del tema si trova il tasto live preview, che offre un’anteprima del tema installato con contenuti fittizi, ma con ogni funzionalità messa bene in evidenza.

Ti basterà navigare dai vari browser per assicurarti che il tema non presenti alcun difetto.

2. Template Responsive

La percentuale di utilizzo di dispositivi mobile come smartphone e tablet è in continuo aumento.

Decidere di partire con un sito che non si adatta perfettamente ai diversi supporti sarebbe come decidere di partecipare ad una corsa campestre con una gamba ingessata.

Per fortuna, ad oggi è un requisito talmente indispensabile che nessun tema ne può fare a meno. Rimane comunque importante fare un test in prima persona, per verificare come si adattano i contenuti.

Il menu di navigazione, le immagini, la disposizione degli elementi deve soddisfare appieno le tue aspettative, la usability deve essere immediata e la velocità di caricamento deve essere ottimale.

3. Il codice con cui sono fatti i Template

Un codice scritto bene è indice di affidabilità per i motori di ricerca.

Esistono delle regole ferree a cui gli sviluppatori devono attenersi per generare un codice finale pulito.

Gli sviluppatori di Themeforest o di Elegant Themes garantiscono in prima persona che i loro prodotti rispettano gli standard richiesti.

4. Aggiornamenti del Template

Come accennato prima, WordPress modifica continuamente il proprio codice.

L’acquisto di un tema premium ti garantisce che, se sarà necessario, al rilascio di ogni nuova versione di WordPress, ci sarà a tua disposizione anche la versione aggiornata del tema dopo poco tempo.

5. Funzionalità dei Template WordPress

Ecco un’altro ottimo fattore per decidere se acquistare un tema piuttosto che un’altro. Ogni sviluppatore ha un modo personale per aggiungere alle funzionalità base, anche diverse funzioni accessorie.

Spesso le caratteristiche vengono elencate nella pagina di specifica dei temi, dove viene indicato:

  1. I plugin compresi nel pacchetto.
  2. I moduli widget programmati ad hoc per funzionare perfettamente col tema.
  3. Gli elementi grafici e i moduli già disponibili perché il tuo sito sia il più completo possibile.
  4. Gli eventuali strumenti per gestire la SEO (anche se noi ci affidiamo sempre al plugin Yoast SEO, come spiegato nel corso sui motori di ricerca ).
  5. Layout builder per creare le tue pagine con moduli Drag & Drop o con un builder in tempo reale come quello di Divi.
  6. Pannello di controllo per personalizzare l’aspetto del sito nei minimi dettagli, come la gestione di header personalizzati, sidebar manager, icone, font ecc, già utilizzabili senza nuove impostazioni.
  7. Slider avanzati.

Sono tutti aspetti che vale la pena di controllare prima di procedere all’acquisto.

Ogni tema, nell’anteprima di visualizzazione, ha in genere una sezione features dove vengono spiegate tutte le funzionalità che possiede e, con un po di esperienza e ricerca, sarai in grado di capire al volo quali sono quelle fondamentali per il tuo progetto.

6. Supporto

Avere la garanzia di un supporto autorevole, veloce e competente è una delle caratteristiche che non deve mancare.

Va detto che, nel pacchetto del tema che scaricherai dopo averlo acquistato, troverai una documentazione esauriente che spiega come installarlo, come personalizzarlo, come inserire i contenuti e come inserire i widget.

Inoltre verranno spiegate tutte le funzionalità che ti mette a disposizione (vedi anche Corso per Temi Avanzati e quello per Slider Avanzati ).

Può essere che non sia possibile rispondere a tutte le domande o le problematiche che potrai affrontare con un documento “generico”.

Niente paura, ti posso assicurare che il supporto che forniscono a chi opta per un tema premium è di assoluto valore e sicuramente sarà in grado, in brevissimo tempo, di rispondere ad ogni tua perplessità.

Trovare il tema migliore: affidarsi all’esperienza

Abbiamo visto quali sono le caratteristiche base che vanno valutate quando si sta per acquistare un tema; passiamo ora agli aspetti pratici.

Rimane da risolvere il problema della troppa scelta. Quello che dobbiamo fare è filtrare le informazioni.

Partiamo dicendo che nel pannello di ricerca di Themeforest, i temi WordPress, sono già catalogati secondo criteri legati alle categorie in cui sono inseriti.

Come puoi vedere spostando il mouse sul tasto WordPress del menu, ti appare un menu a tendina che ti consente di fare una prima scrematura.

Da qui puoi scegliere i temi secondo la tipologia di sito che devi fare: puoi ordinare la ricerca visualizzando i temi più popolari, i blog, i temi business, e-commerce ecc…

sezione wordpress themeforest

Nel box di ricerca al centro della pagina poi aggiungere dei tag particolari che identificano meglio la tipologia del tuo sito, come ad esempio: portfolio, restaurant, one-page etc.

In questo modo la ricerca ti visualizzerà solo i temi che soddisfano le tue richieste.

themeforest cerca

Considera che questo tipo di ricerca rappresenta solo il primo step, la scrematura iniziale, da fare seguire al controllo di tutti gli aspetti appena descritti.

Ogni volta, per ogni tema, dovrai ricontrollare la lista e verificare se il prodotto è valido o meno.

Inoltre, la maggior parte dei template che ti vengono proposti sono catalogati secondo parametri “grafici” o di caratteristiche tecniche, ma la mia esperienza mi dice che, a meno di casi limite (sarebbe arduo trasformare un tema realizzato con elementi grafici per un ristorante in un sito che parla di teorie quantistiche), ogni template presente su questi siti è altamente personalizzabile.

Tutto quello che ti occorre è un minimo di immaginazione per poterne visualizzare i tuoi contenuti al posto di quelli proposti.

Esistono altri modi per snellire maggiormente la ricerca e per andare sul sicuro.

Nel pannello a sinistra di Themeforest è presente un box che contiene diversi filtri.

filtri themeforest

Prima di tutto sentiamo la voce di chi ha acquistato prima di noi. Vai a modificare il filtraggio per punteggio degli altri utenti.

Visto l’enorme numero di temi, personalmente scelgo solo quelli con i punteggi massimi.

ATTENZIONE: 5 stelle non vuol dire che il tema è il migliore in assoluto. Quello che bisogna fare è una comparazione tra numero di stelle e numero di voti. Un tema che ha ricevuto 5 stelle da 5 persone non è indice di maggiore qualità rispetto a un template che ne ha ricevute 4 da 500.

Poi valuta anche se filtrare grazie a qualche tag che identifica bene la tua categoria.

Noi di Webipedia, abbiamo scelto Enfold per realizzare il nostro sito, un tema che può essere facilmente adattato per qualunque scopo e che ha ricevuto 5 stelle da più di 8.000 persone!

Un’altro aspetto che va considerato è il numero di acquisti.

Più la gente lo ha acquistato e maggiore è il potere di quel tema, significa che in tanti si sono fidati di lui, che in tanti lo hanno pubblicizzato e che in tanti sono rimasti soddisfatti.

In più significa che c’è un’ottima probabilità che qualche utente si sia trovato di fronte prima di te, ad un eventuale problema che si potrebbe presentare e quindi reperire la soluzione nel forum dedicato sarà più semplice e veloce.

Conclusione

Ora dovresti avere tutti gli elementi necessari per operare una scelta senza preoccupazioni.

Ricordati di verificare che tutte le caratteristiche di compatibilità, visualizzazione, aggiornamenti, sicurezza, supporto ecc, siano soddisfatte e cerca di partire con le idee ben chiare sul tipo di sito che devi realizzare.

Sarai avvantaggiato quando dovrai filtrare le moltissime opzioni disponibili.

Se vuoi risparmiare tempo e affidarti a prodotti di sicuro valore, leggi la nostra guida sui Migliori Temi WordPress.

Se hai bisogno di qualche consiglio, sono a disposizione nei commenti.

2 commenti
  1. Casper
    Casper dice:

    Si tratta di un articolo un po’ vecchiotto, ma spero mi leggiate comunque. Ho sempre avuto una domanda in merito ai temi. Che siano wordpress, joomla, drupal o altro.
    Come fate a proporre una bozza al cliente prima di acquistare il template? Gli fate vedere la live demo (tenendo però in considerazione che lui stesso potrà vedere che il lavoro grafico è stato fatto da qualcun altro) oppure fate degli screenshot modificando il tema con contenuti vostri, non dandogli però la possibilità di apprezzare i contenuti dinamici e rischiando comunque che vi accetti l’impaginazione del tema chiedendovi modifiche strutturali che non si possono apportare se non perdendo ore ore per andare a mettere le mani nel codice di chi ha progettato il template?

    Rispondi
    • Lorenzo
      Lorenzo dice:

      Ciao Casper, grazie per l’ottima domanda.

      Come prima cosa bisogna spiegare al cliente cosa siano i template, perché si usano e i rispettivi vantaggi.

      Arrivare a programmare da zero un tema, partendo per esempio da uno studio grafico fatto in Photoshop, è vero che fornisce un servizio “unico” al cliente, ma ottenere la stessa qualità e versatilità che ci danno i temi attualmente in circolazione richiederebbe al cliente dei costi molto alti.

      La preoccupazione maggiore dei clienti quando sentono la parola “template” è quella di avere un prodotto che sia uguale a migliaia di altri siti in circolazione. Forse un tempo poteva essere vero, ma ad oggi questo non è più così. Gli strumenti come il layout builder permettono con lo stesso tema di ottenere siti completamente diversi. Ma è una cosa che va spiegata. Per aiutarlo a comprendere basta che gli mostri, per esempio, i demo di enfold.

      Inoltre la procedura di presentazione dei layout dipende anche dal cliente e dal budget. Più il cliente è importante, adeguato sarà il budget. Quindi se stai lavorando per un’azienda in cui c’è bisogno di fare una presentazione, allora ti consiglio di farti degli screenshot dei vari demo dei temi e andarli a personalizzare giusto per dare al cliente il sapore di quello che potrebbe venire.

      Se invece, essendo una web agency, hai già nel tuo arsenale diversi temi, allora ti consiglio di averli in locale già installati e pronti all’uso. In questo caso caricargli su il logo e fare qualche modifica non dovrebbe essere un problema. Inoltre quando compri un tema, quasi sempre, ti mettono a disposizione i file psd proprio per questo motivo.

      Parlando di preventivi ti segnalo questo articolo che avevamo scritto un po’ di tempo fa:

      Come fare un preventivo

      Spero di averti dato degli elementi in più su cui ragionare.
      Buona giornata

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *