Come guadagnare con AdSense e pubblicità

Guadagnare con AdSense tramite la pubblicità online è una delle metodologie più immediate per incominciare a monetizzare il traffico del proprio sito web.

Da quando Internet ha conquistato l’intero pianeta sono nate vere e proprie figure professionali che hanno costruito una carriera, o addirittura un impero, basandosi sullo studio di questo nuovo canale pubblicitario.

Ma cerchiamo di capire perché investire su questo tipo di attività è un investimento per il futuro. Lo facciamo andando a spiegare i vantaggi di chi vuole fare pubblicità comprando gli spazi dei nostri siti web.

I vantaggi della pubblicità online

Vediamo perché la pubblicità su internet è migliore rispetto a quella sui canali tradizionali come carta stampata, radio, televisione ecc.

Profilazione: Con gli strumenti che la rete mette a disposizione, chi compra della pubblicità è in grado di analizzare il suo target di riferimento, capire a chi interessa il suo servizio e produrre una pubblicità mirata a seconda degli interessi, dell’area geografica, dell’età, della fascia oraria fino a scendere nel minimo dettaglio.

Accessibilità: Internet è aperto a tutti, 24 ore su 24. Una buona campagna promozionale consente di aumentare la visibilità di un marchio o di un prodotto anche di aziende ancora sconosciute sul mercato, in quanto può essere raggiunto un numero elevatissimo di possibili acquirenti con budget più ridotti.

Viralità: Una campagna ben riuscita si pubblicizza da sola. Grazie ai social network o ai video su youtube è possibile che un contenuto pubblicitario diventi virale. Una vignetta divertente, un’immagine emozionante, un video coinvolgente possono raggiungere un numero di utenti enorme, che cresce esponenzialmente man mano che il contenuto viene condiviso.

Economicità: Internet è probabilmente il canale meno costoso per fare pubblicità. Servono comunque degli investimenti monetari, ma sono irrisori se paragonati, ad esempio, a 15 secondi di pubblicità su un canale televisivo, sopratutto in relazione agli indubbi vantaggi in termini di targetizzazione. Inoltre, grazie ai diversi tipi di offerta, come per esempio il Pay Per Click, il budget viene ottimizzato poiché non vengono pagate le visualizzazioni, che sono sempre utili per creare brand awareness.

Misurabilità: A differenza dei canali tradizionali, con la pubblicità online si possono misurare, fino al più piccolo dettaglio, tutti i risultati ottenuti: quante persone hanno visto la tua pubblicità, che tipo di target hai raggiunto, quante hanno cliccato, quante hanno acquistato il prodotto, come si sono comportate sul sito e così via.

Flessibilità: Una volta raccolti e analizzati i dati dell’audience, è possibile modificare le proprie impostazioni in pochi minuti. Si può intervenire rapidamente su ogni aspetto della pubblicità: formato, immagini, testi ecc., fino ad affinare al meglio le prestazioni della propria campagna in base agli investimenti fatti.

Concorrenzialità: Sul web, anche le piccole aziende possono competere con i grandi marchi, è il canale perfetto per far crescere un’attività appena nata o per aumentare i profitti di realtà esistenti da anni.

Semplicità: Creare una campagna online è semplice e veloce. Chiunque con una piccola guida è in grado di conoscere bene l’argomento e gli strumenti per pianificare una campagna pubblicitaria di successo. Realizzare uno spot televisivo, una trasmissione radio, un’uscita su una rivista di settore, richiede tempi molto più lunghi e il coinvolgimento di collaboratori esterni che si occupano di tutta la parte tecnica (video, grafica, post produzioni ecc). In più, una volta realizzato il messaggio pubblicitario, ci si deve rivolgere a centri media specializzati per poterlo rendere visibile.

Impara a fare da solo

Un po’ di statistiche

Il web marketing si sta ritagliando una fetta sempre più consistente dei budget investiti dalle aziende per la pubblicità, e la tendenza è in continua crescita.

Per farti comprendere ancora meglio il potenziale della pubblicità online ti riportiamo alcuni dati che analizzano l’andamento dell’advertising mondiale degli ultimi anni.

Il primo grafico riporta l’incremento degli investimenti sulla pubblicità online in tutto il mondo in miliardi di dollari:

guadagno advertising annuale

Ancora più interessante notare come sia decisamente più elevato l’interesse per la pubblicità online sui dispositivi mobile:

guadagno della pubblicità online annuale

Qui possiamo osservare le previsioni di spesa per i prossimi anni: sia il canale pubblicitario desktop, ma sopratutto quello mobile, supereranno di gran lunga i canali tradizionali.

crescita budget pubblicitari dei vari media

Nell’ultimo grafico l’andamento delle preferenze degli advertiser: l’unico canale che “guadagna” posizioni, è quello legato al web.

suddivisione pubblicità per media

Lo strumento del mestiere: AdSense

Inutile ricordare che su internet, come nel mondo reale, nessuno regala soldi. Di “ricette magiche” per diventare milionari in 3 settimane ne puoi trovare a centinaia, ma restiamo molto perplessi sulla loro efficacia.

Per riuscire a guadagnare con AdSense e creare un business basato su solide fondamenta è indispensabile conoscere lo strumento più diffuso al mondo per la monetizzazione di contenuti online.

Si tratta del circuito pubblicitario di Google che mette in comunicazione:

  • Gli Advertiser – chi ha bisogno di fare pubblicità ad un prodotto o servizio.
  • E i Publisher – chi mette a disposizione uno spazio pubblicitario.

Come funziona?

Il procedimento è molto semplice, dopo la registrazione al servizio dovrai:

  1. Scegliere il tipo di ad che vuoi visualizzare (immagini, testo, video, link testuali, ecc).
  2. Decidere dove farle apparire sul tuo sito (semplicemente incollando un codice fornito da Google o utilizzando un plugin di WordPress).
  3. Gli inserzionisti faranno offerte per apparire sul tuo sito e l’annuncio che raggiunge il punteggio qualità più alto viene servito.
  4. Sarà Google ad occuparsi dei pagamenti e delle transazioni economiche tra le diverse parti in gioco.

Come vengono scelti gli annunci?

È il software di AdSense che esegue la scrematura degli annunci da visualizzare, abbinandoli secondo criteri prestabiliti come:

  • I contenuti del sito e la loro corrispondenza con le parole chiave dell’annuncio.
  • Il posizionamento dell’ad all’interno della pagina.
  • Interessi dell’utente: si basa sull’idea di remarketing, ovvero gli annunci visualizzati sono selezionati in base al comportamento dell’utente, quali ricerche ha fatto nell’ultimo periodo, quali siti ha visitato ecc..
  • La lingua dell’annuncio e del sito.
  • Localizzazione: il sistema decide cosa visualizzare nelle diverse aree geografiche.
  • L’offerta che gli advertisers hanno fatto e il relativo punteggio qualità dell’annuncio.

Che strumenti mette AdSense mette a disposizione?

Con AdSense avrai accesso ad una console (applicazione) con la quale potrai:

Creare le tue unità pubblicitarie. Sarai in grado di curare l’aspetto dei tuoi annunci personalizzandoli secondo la grafica del tuo sito. Per iniziare il sistema di da la possibilità di scegliere tra diversi formati che sono già studiati per adattarsi ai diversi device da cui vengono visualizzati.

Monitorare i dati dei tuoi rendimenti. AdSense è dotato di un pannello di misurazione delle campagne molto efficace. Grazie ad una serie di rapporti personalizzati sarai in grado di capire dove intervenire e cosa migliorare per aumentare le prestazioni degli annunci e individuare nuove opportunità di crescita.

Accesso a un “controllo editoriale”. Sei tu a decidere “cosa” o “che tipo” di annunci ricevere sul tuo sito. Nella console è presente uno strumento che ti permette di bloccare annunci secondo diversi criteri.

I diversi prodotti di AdSense

Le unità pubblicitarie. Sono degli spazi, che riserviamo all’interno del nostro sito, pronti ad ospitare annunci testuali, immagini o altri media. Uno dei fattori per cui viene servita una pubblicità e la sua pertinenza con i tuoi contenuti. Gli inserzionisti selezionano le parole chiave inerenti alle tue pagine web come target per un possibile inserimento pubblicitario.

AdSense per la ricerca. Questo strumento ti permette di inserire il modulo di ricerca di Google all’interno del tuo sito, con la differenza che sarai tu a decidere il vertical su cui fare la ricerca, andando così a proporre contenuti vicini alla tua audience. Se un utente, dopo una ricerca tramite il tuo sito, preme un annuncio, allora riceverai il compenso.

Annunci a livello di pagina. Vista l’evoluzione dei dispositivi mobile, Google ha deciso di creare un nuovo tipo di annunci che ben si integra con questi device. Quello che gli annunci a livello di pagina fanno è molto simile, se non identico, alla pubblicità che siamo soliti vedere all’interno delle applicazioni. Ne abbiamo di due tipi. Gli annunci di ancoraggio, che sono dei banner disposti nella parte superiore o inferiore dello schermo, e il gli annunci vignetta che ricoprono l’intera visuale del mobile.

La tipologia di offerta

Il compenso per ogni annuncio può essere generato in diversi modi. Abbiamo il costo per click (CPC) con il quale si viene retribuiti per ogni click effettuato su un nostro banner. Abbiamo il costo per 1000 impression (CPM), che paga ogni 1000 volte che un annuncio viene proposto. Infine c’è il costo per engagement (CPE), che ci ricompensa quando l’utente interagisce con l’unità pubblicitaria.

Quanto si guadagna effettivamente con AdSense?

Google, ovviamente, si prende la sua fetta di torta. Riconosce ai publisher con AdSense per contenuti il 68% delle entrate totali, mentre il 51% delle AdSense per ricerca.

Dire quanto si guadagna con AdSense senza avere dei dati di traffico del tuo sito alla mano è impossibile. Tutto, infatti, si basa su due valori: le visualizzazioni di pagina e l’RPM pagina. Per conoscere il primo basta andare nel proprio account Analytics, mentre per il secondo, ogni sito è una storia a parte. Si possono avere RPM da 1€, così come da 7€ e più.

L’RPM è composto a sua volta da altre metriche, come il CPC e il CTR. Lavorando ad aumentare questi valori singolarmente si può incrementare notevolmente il proprio guadagno. Appena incomincerai a fare parte del programma di AdSense dovrai incominciare ad impegnarti proprio seguendo questo obbiettivo, come spiegato nel Corso AdSense e Pubblicità.

AdSense rapporti sul rendimento agli inizi

I primi Rapporti sul Rendimento

AdSense Rapporti sul rendimento dopo ottimizzazione

Rapporti sul Rendimento dopo duro lavoro di ottimizzazione


Quanto costa AdSense?

La partecipazione al programma AdSense è gratuita.

Come guadagnare con AdSense?

Eccoci arrivati alla parte operativa del progetto. Quello che ti occorre per iniziare finalmente a guadagnare su internet è:

Creare un sito web

Per iniziare un’attività da publisher hai per prima cosa bisogno di un sito web dove posizionare gli annunci. Questo è un argomento che richiede un approfondimento specifico per cui merita un discorso a parte. In questa sede ci limiteremo a dire che lo strumento che ti consigliamo di utilizzare è WordPress, che dovrai trovare un hosting per ospitare online il tuo sito (noi consigliamo Siteground) e che dovrai imparare o perfezionare le tue conoscenze per la costruzione di un sito a regola d’arte.

Per ulteriori approfondimenti sulla realizzazione di un sito web:
Perché abbiamo realizzato Webipedia con WordPress
Come creare un Blog
Come scegliere un Template WordPress

Inserire contenuti di qualità sul tuo sito

Come visto precedentemente, Google punta a mostrare le pubblicità che sono inerenti ai contenuti di una pagina. Ma non solo. Infatti ricorda che anche gli inserzionisti possono scegliere direttamente il tuo sito se lo reputano adatto al loro prodotto. Quindi se hai dei contenuti di qualità la probabilità che più advertisers vogliano comparire sul tuo sito si alza, e andranno quindi a scontrarsi nell’asta dell’annuncio, con la risultante che il tuo CPC si alzi così come i tuoi guadagni.

È per questo che è importante costruire le tue pagine in modo che targettizzino una nicchia di mercato.

Facendo così il tuo sito diventerà un vertical dedicato ad uno specifico argomento, e il costo per ogni click aumenterà col tempo se gli inserzionisti otterranno rientri economici dagli spazi acqustati da te.

A questo proposito ti consigliamo due articoli del nostro blog:
Come scrivere un Blog
Come scrivere articoli SEO Friendly

Far crescere il traffico sul tuo sito

Traffico = Guadagno.

Il traffico è la chiave del successo: il segreto sta nel riuscire a veicolare l’audience più targettizzato possibile. Maggiori sono i visitatori potenzialmente interessati ai tuoi contenuti, maggiori sono le tue possibilità che qualcuno di essi clicchi su una pubblicità che lo interessa poiché pertinente.

Ma non solo, grazie al remarketing l’utente viene “seguito” dai banner dei siti che ha visitato precedentemente. Pertanto potrebbe essere possibile che anche se i tuoi contenuti parlano di X, lui riceva un annuncio che parli di Y e ci clicchi sopra ugualmente.

Il concetto è proprio quello che l’advertising online serve pubblicità creata ad hoc per l’utente, con la risultante che l’inserzionista guadagna di più perché spreca di meno, mentre il publisher guadagna di più perché riceve più click.

È fondamentale impiegare un mix di tattiche e strategie per aumentare i tuoi utenti come:

  • Article Marketing: è il modo che garantisce stabilità nel corso del tempo, perchè la produzione di contenuti originali e interessanti per il tuo target rende il tuo sito credibile. Un sito credibile per gli utenti diventa un sito credibile anche per Google e gli Advertisers.
  • E-mail marketing: ogni utente è prezioso. La raccolta di indirizzi mail fin dall’inizio dell’attività è fondamentale per potersi costruire un portfolio di lettori interessati, che saranno propensi ad accettare i consigli che gli invierai privatamente grazie alle newsletter. Quando il tuo sito sarà ricco di contenuti potrai proporre un riassunto tramite posta elettronica al fine di far tornare i tuoi iscritti sulle tue pagine.

Monitorare e Migliorare

Come ogni attività, anche guadagnare con AdSense richiede “manutenzione”.

Durante la vita del tuo sito web dovrai controllare che tutto funzioni regolarmente dal punto di vista tecnico, ma dovrai anche gestire tutti gli aspetti riguardanti AdSense, come il posizionamento degli annunci, il monitoraggio degli ingressi e così via.

L’ottimizzazione di ogni suo aspetto ti garantirà ingressi sempre maggiori e maggiore collaborazione da parte del team di Google.

Conclusione

Con questo articolo abbiamo voluto fornirti una panoramica generale su come sia possibile incominciare a guadagnare con AdSense.

Quello che ora devi fare è acquisire tutte le competenze necessarie per intraprendere un’attività che ti garantisca un guadagno fisso mensile in costante crescita.

Nel nostro Corso Adsense tutto è spiegato nei minimi dettagli. Anche chi non ha competenze tecniche di alcun tipo sarà in grado di:

  • Avere delle basi solide nel campo della pubblicità online.
  • Capire i fattori fondamentali attorno ai quali gira questo business.
  • Conoscere a fondo la console AdSense.
  • Impostare le unità pubblicitarie all’interno di un sito (leggi anche come integrare AdSense su WordPress).
  • Leggere i Rapporti sui rendimenti e capire le sue metriche.
  • Lavorare sul sito per aumentare il CPC e il CTR.
  • Fare esperimenti.
  • E tanto ancora…

Se hai un dubbio o una domanda, scrivila nei commenti qui sotto.
Ti risponderemo in brevissimo tempo!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *