AdSense WordPress plugin

Se hai deciso di monetizzare grazie alla pubblicità online, dovrai capire come integrare le unità pubblicitarie di Google sul suo sito, e per questo dovrai utilizzare un AdSense WordPress plugin.

In aggiunta potresti anche valutare l’utilizzo di un tema premium specificatamente studiato per ospitare le ads.

In questo articolo scopriremo quali sono i temi e i plugin migliori da utilizzare.

Nel video corso Google AdSense abbiamo già spiegato come funziona questo business, il ruolo delle varie parti in gioco, i tipi di targeting, i tipi di unità pubblicitarie e le strategie da utilizzare. Abbiamo visto come creare un account AdSense, spiegando il procedimento schermata dopo schermata, per richiedere l’abilitazione al programma.

Se conosci già il meccanismo e possiedi un sito e un account AdSense abilitato puoi procedere all’installazione del plugin e iniziare a guadagnare con il tuo sito.

Cosa fa un plugin AdSense WordPress?

Lo scopo del plugin è di inserire, tra le pagine di un sito o di un blog, tutte le unità pubblicitarie che il programma AdSense mette a disposizione.

È chiaro che occorre un sistema che permetta, in maniera semplice e veloce, di modificarne il posizionamento, il tipo e la dimensione, in modo da ottenere il massimo vantaggio dal banner.

Quello che molti web marketer sbagliano infatti è che, una volta che sono state inserite le unità pubblicitarie, lasciano i banner in posizioni fisse senza eseguire dei test per massimizzare il risultato.

Con un po di tempo e pratica capirai, a seconda del tuo target di riferimento, quali sono gli annunci che rendono meglio, e in quale posizione attirano maggiormente il click.

È per questo motivo che serve dotarsi di un plugin AdSense WordPress flessibile e performante, per avere il massimo controllo sui contenuti di ogni pagina.

L’inserimento manuale è sicuramente una procedura realizzabile, ma è efficace solo per i “lavori di fino” o se siamo in presenza di un sito web con poche pagine e che non prevediamo si incrementi nel corso del tempo.

Se il tuo obiettivo è quello di creare una nutrita sezione blog in cui pubblichi con frequenza nuovi contenuti non ti sarà possibile eseguire dei test di performance su tipo e posizione, a meno che, non modificherai manualmente ogni singola pagina.

Come puoi ben intuire, questo tipo di operazione si traduce in un enorme perdita di tempo, quindi l’inserimento manuale è consigliabile applicarlo solo alle pagine che portano maggior traffico, e su cui vuoi avere un controllo totale di ogni impostazione, per tutte le altre, è indispensabile utilizzare un plugin AdSense WordPress.


Elegant Themes Prodotti

AdSense WordPress plugin: Google AdSense

AdSense WordPress plugin: Google AdSense

AdSense WordPress Plugin: Google RatingIl primo plugin che analizziamo è quello ufficiale di Google, ma lo facciamo solo per dovere di cronaca.

Come puoi vedere infatti non ha ottenuto ottimi punteggi, e le recensioni da parte dei clienti sono per lo più negative (anche da parte di chi ha dato 5 stelline).

Principalmente viene elogiata l’enorme semplicità d’uso, sopratutto per la gestione one-click dell’interfaccia, ma di contro, quando si cerca di ottenere qualcosa in più a livello di personalizzazione ed efficacia, ci si scontra con evidenti problemi.


AdSense WordPress plugin: Advanced Ads

AdSense WordPress plugin: Advanced Ads

AdSense WordPress Plugin: Advanced Ads RatingDopo numerosi test tra i vari plugin AdSense WordPress disponibili (nella repository del sito ufficiale ne troverai davvero moltissimi), siamo arrivati alla conclusione che Advanced Ads è la soluzione più affidabile e completa, ed è per questo che lo utilizziamo regolarmente per i nostri progetti e per le spiegazioni dei video corsi.

Come puoi vedere dalle recensioni e dai punteggi, sono in molti a pensarla come noi valutandolo come ottimo, anche perché il suo sviluppatore, Thomas Maier è anch’esso un publisher.

Nel suo blog infatti scrive:

“I decided to write my own WordPress plugin to manage and optimize ads. Before that I used some of the others plugins, but they are either outdated or not ment to really increase your income. So I wrote Advanced Ads.”

Cominciamo col dire che è un plugin gratuito, ma ha anche delle funzionalità a pagamento aggiuntive che potrai valutare di acquistare in caso di necessità.

È leggermente più complesso del primo da configurare, ma una volta fatto, avrai dei vantaggi indiscussi, anche perché ti permetterà di inserire ogni tipo di unità pubblicitaria, non solo quelle riguardanti il programma AdSense.

Caratteristiche

Vediamo insieme le principali peculiarità del plugin AdSense WordPress Advanced Ads:

Creare e gestire annunci

  • Creare un banner è semplice (esattamente come creare un post).
  • Puoi raggruppare le ads per creare degli slider pubblicitari.
  • Puoi creare dei banner in modalità bozza visibili solo agli utenti autenticati.
  • Puoi programmare la pubblicazione delle pubblicità definendo giorno e ora di partenza/fine campagna.
  • Puoi scrivere delle note specifiche per ogni singola ads (in modo da poter eseguire dei test puntigliosi e mantenere una traccia di cosa è stato fatto).

Gestire diversi tipi di annuncio

  • Come anticipato prima si può inserire il codice di riferimento di AdSense, ma anche di altri network come Amazon, Chitika, BuySellAds ecc. In questo modo, ogni formato proposto potrà essere integrato comodamente.
  • Si possono integrare immagini.
  • Si possono, anche se non li consigliamo mai, utilizzare file Flash, ma solo nella versione a pagamento del plugin.

Gestire diversi tipi di visualizzazione

  • Inserimenti automatici.
  • Inserimento ads in un file template che puoi creare e personalizzare.
  • Inserimento ads nei contenuti di una pagina/post grazie ad uno shortcode.
  • Ad widget per gestire la pubblicità nelle sidebar e negli spazi dedicati.
  • Disabilitare la visualizzazione in determinate pagine o post.
  • Visualizzazione di gruppi di ads in base al peso dell’annuncio.
  • Definizione dell’ordine di visualizzazione degli annunci di un gruppo con l’inserimento di eventuali ads sostitutive.

Gestire le condizioni di visualizzazione (mostrare le ads a seconda di determinati parametri)

  • Puoi mostrare le ads a seconda dei Post (e tipo di post) o delle pagine.
  • Puoi mostrare le ads a seconda delle categorie, dei tag o in base alla tassonomia.
  • Puoi mostrare le ads a seconda dell’autore di un post.
  • Puoi gestire le pagine di archivio e le pagine “speciali” come la 404.

Gestire le impostazioni in base all’utente

  • Puoi visualizzare o disabilitare le ads per utenti mobile.
  • Puoi visualizzare o disabilitare le ads per utenti autenticati (anche in base a ruoli e permessi).
  • Puoi visualizzare o disabilitare le ads con condizioni avanzate come visitatori di ritorno, browser, lingua, device ecc.
  • Puoi visualizzare o disabilitare le ads a seconda di criteri geografici (con Add-on da acquistare).

A nostro avviso, Advanced Ads è la soluzione giusta per ogni progetto basato sul guadagno tramite la pubblicità e riteniamo superfluo recensire altri plugin. In ogni caso, se troveremo delle soluzioni migliori, non esiteremo ad integrare questo articolo con le ultime novità.

Se vuoi saperne di più su come ottenere un ingresso mensile grazie al tuo blog segui il nostro Corso AdSense e Pubblicità Online.


Adsense WordPress: temi

Eseguire dei test sul posizionamento degli annunci è fondamentale per fare in modo che il tuo business sia profittevole.

Come abbiamo visto, nel mondo della pubblicità online, i piccoli dettagli fanno spesso la differenza, e dimensioni, tipo e posizionamento degli annunci sono di vitale importanza per generare profitto, anche se possono sembrare cose di poco conto.

Per agevolarti nell’intraprendere un business del genere, diverse società hanno già predisposto dei temi, frutto di anni di studio, ottimizzati appositamente per ospitare unità pubblicitarie.

Il trucco fondamentale è quello di riuscire ad ottenere un perfetto equilibrio tra pubblicità e contenuto, lasciando quest’ultimo come re indiscusso della pagina.

Vediamo ora le recensioni dei temi migliori per un business di questo tipo, che inducono i visitatori a cliccare sui banner, ma accompagnandoli sempre da un’ottima esperienza utente generale.

Newspaper

AdSense WordPress Temi: Newspaper

Se il sito che stai costruendo è un raccoglitore di notizie Newpaper è sicuramente una scelta valida. Le statistiche confermano che è uno dei migliori temi sul mercato per questo proposito.

Propone innumerevoli caratteristiche allettanti, tra cui:

  • 8 Layout di griglie di contenuti straordinari pre-confezionati.
  • 5 Stili generali che includono animazioni specifiche da personalizzare per partire subito con un design che ti rappresenti.
  • 40 Opzioni per evidenziare i contenuti.
  • Sistema di inserimento di annunci intelligente: ogni posizione ha una specifica casella dove andare ad inserire il codice dell’annuncio.

Divi

AdSense WordPress Temi: Divi
Divi è uno dei temi migliori in assoluto. È uno dei più venduti su Themeforest e per questo l’abbiamo anche inserito nella speciale classifica dei Migliori Temi WordPress 2016.

È un tema multi-funzione, nel senso che può essere facilmente adattato a qualsiasi tipo di sito tu intenda costruire.

Si può acquistare insieme a tutti gli altri eccellenti prodotti della Elegant Themes sottoscrivendo un abbonamento annuale che consente di scaricare tutto il loro materiale.

Anche l’ottimizzazione per le unità pubblicitarie non è stata trascurata. Nel suo pannello di controllo infatti troverai una sezione dedicata alla gestione e al posizionamento degli annunci, il suo design innovativo farà il resto attirando i tuoi utenti verso il click.

Dal punto di vista mobile siamo ai massimi livelli, infatti è uno dei temi che si comporta meglio lato responsive.


Truepixel

AdSense WordPress Temi: Truepixel
Questo tema è uno di più nuovi lanciati da MyThemeShop, ed è perfetto per un blog generico.

Come potrai vedere dalla demo sono giù stati predisposti degli spazi per le unità pubblicitarie e il sito è pulito e molto piacevole sia per la vista che per la lettura.


Magazine

AdSense WordPress Temi: Magazine

Questo a nostro avviso è uno dei più riusciti dal punto di vista grafico. Basato sulla tecnologia Bootstrap di Twitter è specifico per un magazine online.

Ha tantissime funzioni di personalizzazione, e sarebbe impossibile elencarle tutte, vediamo le principali:

  • Ottimizzato lato SEO.
  • Compatibile con WooCommerce.
  • Live search con Ajax.
  • Colori e font illimitati.
  • Funzione responsive del menu e delle Ads.
  • 7 Template di pagina diversi.
  • Custom widget.

Goliath

AdSense WordPress Temi: Goliath
Come il precedente è specifico per un magazine online. Si può scegliere tra 4 schemi principali (Sport, News, Fashion, Technology) che potrai comunque personalizzare a piacimento.

Particolare cura è stata fornita alla tipografia, in modo che riesca ad attirare l’attenzione degli utenti verso i punti di interesse.


Conclusione

In questo articolo abbiamo visto il plugin AdSense WordPress che dovrai utilizzare per inserire la pubblicità sulle tue pagine e quali sono i temi più indicati per partire con una solida base.

Se vuoi approfondire di più l’argomento ti invitiamo a leggere anche Come Guadagnare con AdSense e la Pubblicità Online e a seguire il nostro Corso AdSense dedicato.

Se hai un dubbio o una domanda, scrivila nei commenti qui sotto.
Ti risponderemo in brevissimo tempo!

2 commenti
  1. Andrea
    Andrea dice:

    Salve Gianluca, sto diventando completamente pazzo girando fra i vari plugin a disposizione, ma nessuno che implementa in automatico banner a seconda dell’autore che realizza il post.
    Si può utilizzare uno shortcode, ok , ma se uno già possiede centinaia di articoli e si aggiungono nuovi autori ed io ho già quelli in automatico sui miei articoli, come posso fare?
    Hai qualche plugin da consigliare o suggerimento?

    Rispondi
    • Lorenzo
      Lorenzo dice:

      Ciao Andrea,
      purtroppo non ho mai visto un plugin di questo tipo.
      Ho anche fatto una ricerca, ma senza successo.
      L’unica alternative che mi viene in mente è tramite la programmazione di un plugin ad hoc.
      Se quest’idea è la base del tuo progetto online potresti pensare di stanziare del budget per un consulente.

      Mi dispiace,
      buona giornata

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *