Come migliorare la Domain Authority

Hai sentito parlare di Domain Authority ma non sai esattamente cosa significa?

Sicuramente, durante le tue ricerche sulla rete, avrai notato che per alcuni siti è molto più facile posizionarsi in alto alla classifiche per “qualsiasi parola chiave”, anche quando i contenuti sono più vecchi o di minor qualità rispetto ai tuoi.

Uno dei fattori che produce questo risultato è sicuramente la domain authority.

Se per i motori di ricerca il tuo sito è affidabile ed autorevole, se dunque hai un “indice di affidabilità” alto, ci saranno maggiori probabilità che i tuoi contenuti si posizionino prima di quelli dei tuoi concorrenti.

Se gestisci un e-commerce, un blog o un qualsiasi sito web, aumentare il valore della domain authority è tra le cose più importanti che tu debba fare.

In questo articolo vedremo le operazioni da intraprendere per riuscirci.

Che cosa è la Domain Authority (DA)

La Domain Authority è il valore misurato su una scala sviluppata da MOZ per valutare l’importanza di un determinato sito.

In pratica, attribuendo un valore da 0 a 100, individua la probabilità che ha una pagina di posizionarsi bene sui motori di ricerca.

Maggiore é il valore, maggiori sono le probabilità di posizionarsi in cima.

Più specifico è una metrica logaritmica: è più facile passare da una DA di 20 ad una 30 che da 90 a 100.

Ovviamente solo alcuni siti come Wikipedia, Facebook o Google stesso hanno il punteggio massimo di 100.

Impara a fare da solo

Controlla il tuo punteggio

Per verificare come viene valutato il tuo sito ti basterà semplicemente utilizzare Open Site Explorer, il software sviluppato da MOZ, che ti permette di effettuare gratuitamente 10 query al giorno, mentre per la versione completa, occorre sottoscrivere un abbonamento annuale.

Sul mercato possiamo trovare anche altri strumenti free che non hanno limiti di ricerca e che lavorano comunque bene come Simple Domain Authority Checker e Bulk Domain Authority Checker.

Ora che conosci il tuo punteggio DA, il tuo obiettivo dovrà essere quello di incrementarlo.

Per farlo, bisogna innanzitutto capire quali sono gli aspetti che i motori di ricerca tengono in considerazione per attribuire questo punteggio ad un sito.

I fattori principali sono tre:

  1. Età: I motori di ricerca considerano che, siccome sei online da diverso tempo (e che per questo stesso periodo di tempo hai fornito informazioni corrette), sei una fonte affidabile.
  2. Social Feedback: Il numero di like o di condivisioni che riceve un vostro contenuto sui social network è un fattore che fa aumentare la Domain Authority, Vengono così premiati i contenuti che hanno riscosso maggior successo tra gli utenti.
  3. Linking Root Domain: maggiore è il numero di link verso il tuo sito e maggiormente acquisirai autorità presso i motori di ricerca. Per quest’ultimo aspetto bisogna prestare la massima attenzione alla qualità e la quantità del backlink; non dovrai mai creare troppi collegamenti con siti con un basso valore di domain authority perché i motori di ricerca lo interpreteranno come una “debolezza”.

Tecniche per aumentare la Domain Authority

Abbiamo visto dunque come un valore DA alto è essenziale affinché il tuo sito ottenga visibilità nei motori di ricerca.

Se hai un valore tra 10 ed 20, sarà molto difficile che riesca a posizionare contenuti in base a specifiche keyword. Invece con un alto avrai maggiore visibilità e quindi maggiori possibilità di monetizzazione per il tuo business.

Ecco i 6 step da seguire per fare in modo che il tuo sito risulti “simpatico” ai motori di ricerca.

1. Ottimizza la navigabilità per gli utenti

La prima cosa da fare per aumentare il DA è rendere il tuo sito user friendly, ovvero semplice e veloce per l’utente.

Velocità: Il tuo sito dev’essere veloce! Prova la velocità del tuo sito con il PageSpeed Insights, Google ti dirà se è ok o se c’è qualcosa che non va, in tal caso ti segnala le soluzioni da implementare.

Usabilità: Fai attenzione alla grafica e all’aspetto responsive del tuo sito. Prova che tutte le pagine siano correttamente visualizzate da qualsiasi dispositivo facendo quanti più test riesci o utilizzando strumenti incorporati in alcuni temi avanzati come il configuratore di Divi.

Navigabilità: Analizza i menù ed i sotto menù e pensa a come migliorarli. Ordina i tuoi contenuti in una struttura che renda facile trovare ciò che si cerca nel minor numero possibile di click (UNO sarebbe meglio).

2. Lavora sulla strategia dei tuoi contenuti

Non significa solo pubblicare contenuti utili e di qualità, ma significa anche sapere come promuoverli e diffonderli in maniera corretta.

Il content marketing è uno strumento molto efficace: se hai un e-commerce o un sito web di servizi è necessario che i tuoi contenuti arrivino al maggior numero di persone possibile.

E’ un aspetto che va affrontato quotidianamente.

Come ci piace ricordare spesso, un contenuto di alta qualità è un contenuto che porta reale valore ai tuoi lettori.

Sarà quindi necessario scrivere costantemente contenuti nuovi e aggiornare quelli esistenti ampliando le informazioni con le tue esperienze e con le novità che il tuo settore ti offre.

Fai molta attenzione ai contenuti duplicati, che sono causa di penalizzazione.

Utilizza strumenti gratuiti come Google Trends per trovare contenuti rilevanti e di attualità. Analizza gli articoli dei tuoi competitor e prova a migliorarli con il tuo punto di vista.

Per approfondire l’argomento leggi anche 13 cose da fare prima di pubblicare un post.

3. Costruisci una buona struttura di link interni al tuo sito

I link interni sono quelli che partono dalle tue pagine o tuoi articoli e portano ad altre pagine o altri articoli del tuo stesso sito.

Ogni volta che crei dei nuovi contenuti prova a linkare in maniera spontanea altri tuoi contenuti relazionati.

Questa tecnica è molto utile per un utente che sta leggendo un tuo articolo ed ha così modo di approfondire l’argomento.

Inoltre, trattenere l’utente sul tuo sito il più a lungo possibile, ha anche degli effetti SEO in quanto influisce sia direttamente che indirettamente sul posizionamento e sul Domain Authority.

Per creare una buona struttura di link interni nel tuo sito utilizza diversi anchor text, non abusare in parole chiave e prova a mantenere un equilibro in ogni post tra link interni ed esterni.

4. Ricevi link da siti autorevoli (backlink)

Dovrai cercare di raccogliere link da domini diversi e soprattutto da domini con alta autorità, ricorda sempre, che nel fare Link Building, conta molto di più la qualità che la quantità.

Pubblica contenuti che risultino effettivamente utili ed aumenterai le possibilità che qualcuno ti linki da un altro dominio.

Questa è una delle principali strategie dei blogger, che abbiamo approfondito nell’articolo perché è importante fate Guest Blogging.

5. Controlla e “pulisci” i tuoi backlink periodicamente

Abbiamo visto che uno degli aspetti fondamentali per aumentare la propria DA è quello di ricevere link da altri domini, principalmente da domini con autorità, ragion per cui bisogna controllare che non si ricevano link da siti di bassa qualità.

Quello che devi fare è tenere sotto controllo il tuo sito grazie a Google Webmaster Tool, per verificare le pagine che ti hanno linkato ed in caso di sospetto togliere quei collegamenti che rischiano di penalizzarti.

6. Usa i Social media

Quando si parla di posizionamento nei motori di ricerca non è mai una buona idea quella di sforzarsi in un unica strategia.

Quindi, parallelamente ai contenuti ed alla SEO OnPage ed OffPage, è fondamentale utilizzare i social network per arrivare a quanti più utenti possibile.

Ma prima di lanciarsi a capofitto nei social media è importante pianificare la strategia social.

Fai in modo che i tuoi contenuti social siano facili da condividere. Per esempio aggiungi i bottoni di share ai tuoi articoli.

Per agevolarti nella scelta del plugin perfetto leggi: WordPress Social Plugin all’ultimo grido.

Crea e aggiorna sempre i tuoi profili social, ovviamente non è importante che tu utilizzi tutte le reti sociali, ma quello che conta è essere presenti in quelle rilevanti per la tua attività.

Conclusione

Queste sono le tecniche più importanti per aumentare la tua Domain Authority, ma attenzione, perché è un valore che può aumentare, ma può anche diminuire, come nei seguenti casi:

  • Se il tuo sito smette di essere aggiornato.
  • Se riceve qualche tipo di penalizzazione da parte di Google.
  • Se cominciano ad esservi alcuni casi di broken link.
  • Se diminuisce la PageSpeed.
  • Se si diffondono gli errori 404.

In tali casi, quasi sicuramente la domain authority si riduce.

Ricorda comunque che questo è un processo a lungo termine, non ti aspettare un miglioramento dall’oggi al domani.

Per aumentare il tuo ranking  dovrai cercare di lavorare ed apportare valore ai tuoi contenuti giorno dopo giorno.

Se sei interessato al posizionamento del tuo sito web leggi anche questo articolo che racchiude tutti i Segreti della SEO, ti darà altri spunti per migliorare sempre di più le prestazioni del tuo sito.

Hai un sito da posizionare? Impara a farlo nella maniera corretta con i nostri 3 video corsi in offerta promozionale.

Se hai un dubbio o una domanda, scrivila nei commenti qui sotto.
Ti risponderemo in brevissimo tempo!

4 commenti
  1. Mario
    Mario dice:

    Ciao! Bell’articolo!

    Io ho creato il mio sito con WordPress e da quando l’ho acquistato ha come DA = 1

    Sapete se è normale? Non è troppo basso?

    Ciao, buona serata!

    Rispondi
    • Lorenzo
      Lorenzo dice:

      Ciao Mario, grazie del tuo intervento.
      Bisogna prima di tutto vedere da quanto tempo il tuo dominio è attivo.
      Poi gli altri fattori, proprio come detto nell’articolo di Gianluca.
      Passali punto per punto e, dove sei carente, concentra le tue energie.
      Se pensi di avere una buona struttura di internal link, allora concentrati sui contenuti. Se già periodicamente scrivi articoli, allora concentrati sui backlink.
      La domain autority si conquista poco alla volta, facendo crescere il proprio sito in qualità.
      Chi la dura la vince!

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *