Come Guadagnare con un Blog

Lo scopo di questo articolo è offrirti una panoramica generale su come guadagnare con un blog.

Abbiamo preparato 8 Video accompagnati da pratici suggerimenti di testo, pensati per chiunque desidera monetizzare il traffico del proprio sito o blog.

Ti aiuteranno a scegliere la strada più profittevole e adatta al tuo progetto.

Ecco la lista degli argomenti che affronteremo in questo viaggio:

  1. Introduzione
  2. Metodi per Guadagnare con un Blog
  3. Gli Utenti del tuo Blog
  4. Visibilità del Blog
  5. Guadagnare con l’Affiliate Marketing
  6. Come creare un Blog
  7. Lavorare in Team
  8. Vantaggi di lavorare con un Blog

Spesso, quando si decide di affacciarsi al mondo del business online, non si è nemmeno a conoscenza delle possibilità e degli strumenti che si hanno a disposizione.

Metodi per guadagnare con un blog

Il web è un mondo vastissimo. C’è spazio per tutti.

I modi di potere guadagnare con un blog sono molti.

Puoi basare il tuo income su un solo metodo, oppure usare differenti canali di monetizzazione, dipende dalla tipologia di sito e dai settori in cui vuoi provare ad entrare.

Ho detto “provare”, perché questa è la chiave del successo.

Una volta che il tuo sito ha un buon bacino di utenza, puoi pensare di ospitare spazi pubblicitari.

Google Adsense, BuySellAds, così come altri gestori pubblicitari, rendono il tutto molto semplice.

Non sarai tu, infatti, a dovere andare a cercare gli inserzionisti. Il processo è completamente automatico e, dopo i dovuti settaggi, i banner compariranno sul tuo sito.

Se poi vorrai, dopo un po’ di esperienza, potrai andare personalmente a contattare e discutere i compensi con gli inserzionisti, creandoti così il tuo portfolio clienti diretto.

Un altro metodo per guadagnare con un blog è quello tramite affiliazione.

Anche in internet esiste la figura del “commerciale”, ovvero colui che prende una commissione ogni volta che porta un cliente a qualcuno.

Grazie a specifiche tecnologie questo è possibile anche sfruttando siti web e blog.

Se un utente, tramite un tuo link, viene indirizzato su un altro sito e acquista un prodotto o un servizio, prenderai un percentuale o un compenso pattuito nel tuo accordo con il venditore.

Per guadagnare con un blog puoi anche pensare di vendere online.

Se il tuo sito si occupa di un vertical (settore) particolare, perché non pensare di cominciare a vendere i tuoi prodotti?

Ci sono aziende chiamate “white label” che producono il prodotto, e poi ci applicano il tuo nome o il logo del tuo brand.

Facciamo un esempio: se vendi una “mascherina da notte” contatterai l’azienda che produce conto terzi questo prodotto, gli invierai la grafica del tuo brand e avrai delle mascherine da notte personalizzate.

Non scordiamoci inoltre che puoi sempre creare un eCommerce e vendere prodotti di terzi, di altri brand, così come di altri negozi o di artigiani.

I prodotti, inoltre, non devono essere obbligatoriamente dei prodotti fisici, ma anche digitali, come un eBook, audio, video o contenuti a pagamento, come qui su Webipedia.

Inoltre se hai già una professione, il tuo sito web può diventare complementare alla tua attuale attività.

Un compagno fidato che lavora 24 ore su 24 e che punta a far crescere il tuo bacino di utenza e portarti nuovi clienti.

Quindi, in questo caso, non si tratta di dover cambiare professione, ma semplicemente di migliorarla.

Dopo la prima fase scoprirai come è facile delegare il processo di mantenimento a qualcuno del tuo team.

Quindi, a prescindere se sei un libero professionista, un consulente, un commerciante, internet è a portata di mano per diventare veramente competitivi e guadagnare con un blog o con un sito aziendale.

Infine, se un giorno ti sei stancato della tua attività online, ricordati che esiste anche un mercato in cui, al limite, puoi pensare di vendere il tuo blog.

SiteGround Miglior Hosting

Gli utenti del tuo blog

Uno dei vantaggi principali che offre internet è la possibilità di avere a portata di mano i dati su cui costruire il tuo business.

Puoi sapere, ancor prima di cominciare un progetto, quali sono i settori più profittevoli e se c’è effettivamente richiesta e interesse circa l’argomento che vogliamo proporre.

Hai a disposizione degli strumenti che dicono cosa gli utenti cercano su internet e dove!

Capire il potenziale del mercato e dell’audience a cui ti vuoi rivolgere è un aspetto importante, ma non è il solo fattore da considerare.

Ricordati che il blog che stai per aprire deve essere la tua passione, perché dovrai inserire dei contenuti di qualità, conoscere quello di cui stai parlando ed avere l’entusiasmo necessario che ti servirà per affrontare il lavoro che hai di fronte.

Ottenere Visibilità

Quando si parte da zero è normale sentirsi bloccati. Il traguardo sembra essere troppo distante.

Come in ogni cosa però, prima si comincia e prima si accorcerà la distanza che ti divide dal guadagnare con un blog.

Una delle prime vette da superare è quella del traffico.

Cominciare a ricevere utenti che visitano il tuo sito è l’obiettivo su cui devi lavorare  fin da subito.

Sappi, però, che non è una cosa immediata, bisogna avere pazienza poiché richiede tempo e ore di lavoro.

Per imparare ad ottenere visite dai Motori di Ricerca, Analizzare il traffico e la Salute del tuo Sito, abbiamo creato un pacchetto che comprende 3 corsi.

Dovrai cominciare ad invitare le persone “a casa tua”, ovvero sul tuo blog, trovare qualcuno che lo suggerisca.

Immagina di essere un negoziante; se stai chiuso nel tuo negozio senza socializzare con il vicinato, chi mai potrebbe consigliare la tua attività?

Inoltre internet può dimostrarsi “magico” e riservare piacevoli sorprese. Possono verificarsi degli effetti domino, grazie ai quali puoi raggiungere un numero di persone che con un altro mezzo sarebbe impossibile.

Guadagnare con un blog - Analytics

Piacevoli picchi di traffico, in un blog agli inizi, che è andato virale.

Se vuoi accorciare queste tempistiche e lanciare il tuo progetto in tempi inferiori, puoi sempre decidere di investire un budget in canali pubblicitari, come Google Adwords e Facebook.

Guadagnare con l’Affiliate Marketing

Se vuoi lavorare e guadagnare con un blog, ma non hai un prodotto o servizio da vendere direttamente, puoi sempre lavorare con l’affiliate marketing o marketing di affiliazione.

Forse non lo sai, ma il web è ricco di aziende che offrono programmi di questo tipo, si chiamano Affiliate Network.

Iscrivendosi a una di queste avrai a disposizione centinaia di prodotti da potere promuovere, a seconda della tematica del tuo sito.

Il funzionamento è semplice. Per ogni prodotto, servizio o promozione, hai un link personale che porta al sito del merchant, ovvero dell’azienda che vende tale prodotto.

Pubblicherai questo link sul tuo sito e, ogni volta che qualcuno clicca su tale link e acquista successivamente il prodotto, prenderai la tua fetta di profitto, la tua commissione commerciale.

La cosa fantastica è che il compenso non lo riceverai solo per una vendita di prodotto o di servizio, ma anche (a seconda della promozione), per una registrazione a una newsletter, una compilazione di un modulo o altre azioni simili!

Anche per questa metodologia, dopo che sarai diventato esperto, nulla ti vieterà di contattare direttamente le aziende per proporre il tuo servizio commerciale e, ovviamente, discuterne i compensi.

Se ti interessa questo metodo per guadagnare con un blog scopri tutti i dettagli nel Corso Affiliate Marketing.

Come creare un blog

Vediamo ora cosa ti serve per poter creare il tuo blog.

Prima di tutto devi decidere il nome!

Ovvero il nome del tuo dominio, che sarà il tuo marchio di fabbrica, il tuo brand. Dedica il giusto tempo a questo step, perché cambiarlo successivamente non è consigliato.

  1. Cerca un nome che si ricordi facilmente e che non sia troppo lungo.
  2. Il nome del tuo blog deve essere facile da scrivere, che non lasci margine per errori di battitura.
  3. Immagina di dire il nome del tuo sito a qualcuno al telefono. Pensi che potrebbe avere delle difficoltà a capire come si scrive? Ti potrebbe chiedere lo spelling? In caso affermativo, escludi questa ipotesi.

Una volta che hai deciso il nome del blog è arrivato il momento di comprarlo. Ricorda che per avere un sito web funzionante devi acquistare sia il nome che lo spazio di hosting (il server su cui installerai il tuo sito).

Noi di Webipedia utilizziamo Siteground, un’azienda specializzata per siti WordPress e che consigliamo sia agli studenti che ai nostri clienti.

Come strumento di creazione del blog la scelta è una sola: WordPress, il CMS (Content Management System) più diffuso al mondo.

Guarda i 3 video gratuiti su come installare WordPress in 5 minuti.

Dopo avere passato anni nello sviluppo di siti web e dopo avere provato diverse soluzioni, abbiamo deciso (insieme a praticamente tutto il mondo) che WordPress è veramente una spanna sopra a tutti gli altri software per creare siti web.

Non per niente la maggior parte dei siti al mondo sono sviluppati con questa applicazione!

Creare un blog con WordPress è proprio alla portata di tutti.

Non è richiesta nessuna conoscenza tecnica di programmazione. Il corso di WordPress che abbiamo fatto insegna proprio questo, guidandoti passo per passo lungo tutti i vari step di produzione.

Ricorda che, qualora dovessi avere dei dubbi, per tutti i nostri utenti è sempre a disposizione il supporto, pronto a rispondere alle tue domande.

Per creare un Sito Professionale in tutte le sue parti, abbiamo creato un’offerta con 5 corsi: Corso WordPress, Temi Avanzati, Slider Animati, Moduli di Contatto e cPanel

Con il sito pronto è proprio arrivato il momento di dare spazio alla tua passione.

Impegnati a scrivere contenuti di qualità e comincia ad usare i canali social come Facebook per portare il primo traffico.

Se sarai costante vedrai il numero dei tuoi utenti salire con il tempo e comincerai a vedere visitatori che ti trovano anche dai motori di ricerca.

I motori di ricerca sono un altro argomento fondamentale che dovrai affrontare se vuoi imparare a guadagnare con un blog.

Il vero salto di qualità per il tuo sito avverrà quando, giornalmente, gli utenti arriveranno sulle tue pagine perché cercano quello che tu hai scritto.

Posizionare il proprio sito su Google è un’arte, un’arte chiamata SEO (Search Engine Optimization).

Anche se il nome può spaventare non c’è nulla di tecnico dietro questa “disciplina”.

Si tratta di regole da seguire durante la stesura degli articoli in modo da “comunicare con le macchine” (i motori di ricerca).

Seguendo queste regole riuscirai a dire a Google e soci che il tuo post parla di quello specifico argomento.

Lavorare in team

Imparare a lavorare con un team ha tantissimi vantaggi.

Una volta che il tuo progetto prenderà piede avrai più guadagni, che potrai decidere di investire in collaborazioni con altri blogger, altri professionisti o semplici utenti.

Infatti, sempre grazie a internet, per farsi dare una mano non bisogna per forza di cose “assumere qualcuno”.

Nella rete esistono molti siti web di freelancing dove trovare il professionista che ti serve per un determinato compito: design, programmazione, scrittura, traduzioni, assistenti virtuali e tutto quello che ti viene in mente.

Un esempio è il sito upwork.com (ex elance.com), dove io stesso da anni mi rifornisco di freelancers che non ho mai visto in faccia! Siamo collaboratori virtuali.

Il concetto è che non devi essere esperto in tutto.

Dove non arrivi tu, ci sarà qualcun altro pronto a fare il lavoro che ti occorre.

Vantaggi di guadagnare con un blog

I vantaggi che un’attività online ti propone sono innumerevoli.

Il rischio d’impresa è praticamente solo il tuo tempo.

Immagina di volere aprire un negozio: affitto, ristrutturazioni, mobili ecc… Con un sito hai solo l’affitto del server e il nome del dominio (che tra l’altro con SiteGround è gratuito).

Un altro vantaggio che, personalmente, mi ha fatto decidere di spostare tutta la mia attività online, è che puoi farlo ovunque nel mondo, senza ufficio, senza orario di lavoro – anche se questo non vuol dire che le ore e l’impegno siano da meno.

Penso che il gioco valga la candela.

La parola “successo” è il participio passato del verbo “succedere”, sinonimo di “fare accadere”.

Concludendo, speriamo veramente che questo articolo ti sia d’aiuto per comprendere meglio come cominciare questa tua nuova sfida.

Se avessi bisogno del nostro aiuto sai dove trovarci!

4 commenti
  1. Gustavo Woltmann
    Gustavo Woltmann dice:

    Ciao, ho provato a seguire queste regole, ma ho un blog di fotografie, e Google rifiuta l’iscrizione ad adsense con la motivazione che c’è poco testo. Come devo fare? Gustavo Woltmann

    Rispondi
    • Gianluca
      Gianluca dice:

      Ciao Gustavo,
      Il mio consiglio è di seguire alla lettera i consigli di Google.
      Il programma Adsense porta a buoni risultati solo se si riceve molto traffico ed è decisamente improbabile riuscire a posizionarsi sui motori di ricerca con un sito che non ha contenuti testuali.
      Quello che dovresti fare è aggiungere una sezione blog, che dovrai curare nel tempo con un unico obiettivo: dare valore ai tuoi utenti.
      Nella sezione SEO del nostro blog troverai utili consigli su come fare.
      Spero di esserti stato utile,
      Buona giornata

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *