Sapere come delegare il lavoro ad altre persone è un’arte: richiede esperienza e metodo. C’è chi lo fa anche fin troppo elasticamente – confondendo la delega con lo scaricare ogni responsabilità sulle spalle di altri – e chi invece proprio non riesce a cedere neanche un pezzettino di controllo. Di seguito puoi trovare alcuni consigli che ti aiuteranno a distribuire correttamente il tuo lavoro.

L’imprenditore americano Timothy Ferriss nel suo libro Quattro Ore alla Settimana sostiene che delegare sia il segreto per una carriera di successo e per una vita personale felice. Secondo Ferriss il multitasking è proprio una malattia da cui non può nascere niente di buono: più cose fai, meno puoi concentrarti, e meno puoi concentrarti, meno avanzerai nella tua carriera.

Scegli quali compiti delegare e a chi delegarli

come-creare-team-professionisti-1Naturalmente nel delegare il tuo lavoro ad altre persone devi essere selettivo. Le prime attività da lasciare andare sono tutte quelle che richiedono competenze che tu non hai o in cui non sei specializzato. Per esempio la grafica, la parte SEO e i contenuti testuali del tuo sito web, se non sei né web designer, né copywriter né tantomeno SEO specialist. Poi passa alle parti del tuo lavoro che, seppure ti competono, possono accontentarsi di una tua supervisione, anziché un coinvolgimento totale.

Ogni delega ha bisogno di un emissario. Arriva quindi il momento di assumere i professionisti che ti aiuteranno. Evita di chiedere aiuto a cugini e amici “perché li conosci”: non ha senso delegare almeno ché non sia fatto per il meglio. Scegli persone specializzate nel campo che devi coprire, esamina il loro portfolio e intervistali su Skype prima di scegliere. Puoi aiutarti usando siti web come UpWork.

Impara a fare da solo

Definisci cosa vuoi ottenere delegando il tuo lavoro

come-delegare-il-tuo-lavoro-2

Quando hai scelto la tua squadra, assicurati di delegare il tuo lavoro fornendo compiti chiari e istruzioni inequivocabili. Tuttavia è importante che tu sia in grado di trovare il giusto equilibrio tra fare capire cosa vuoi ottenere e non essere troppo maniacale con la spiegazione. Questo per non rovinare il rapporto professionale e per non imporre la tua visione soffocando possibili input validi. Ad esempio, se devi pubblicare un annuncio promozionale, descrivi cosa ti serve ma non alienare la creatività del grafico.

Nel mettere le carte in chiaro, ricorda di fissare degli obiettivi ben definiti. Qual è lo scopo del lavoro delegato? Quando ti serve? Queste sono informazioni che è bene comunicare ai professionisti che hai scelto. Lo stesso vale anche per la modalità di pagamento. Infine ricorda di richiedere puntualmente un aggiornamento per essere sicuro che tutto proceda come da piano.

Leggi come creare e gestire un team di professionisti da remoto.

Delega responsabilità, non solo compiti

Per raggiungere la beatitudine del delegante devi capire che è necessario delegare responsabilità e autorità. Chi si limita a dare degli incarichi continuando a supervisionarne ossessivamente l’esecuzione finisce con il complicarsi la vita anziché semplificarsela. Fidati dei tuoi professionisti e concentrati sul lavoro che non può fare a meno di te. Solo così la tua attività raggiungerà la massima ottimizzazione.

Hai capito come delegare il tuo lavoro ad altre persone?

Abbiamo impiegato un bel pò di tempo a creare questo articolo. Ti va di lasciarci qualche domanda o parere? Scrivi un commento qui sotto.

Siamo sempre felici di rispondere!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *