La sezione Parametri nella Url serve per specificare a Google il valore che hanno gli eventuali parametri passati nelle URL del proprio sito.

Un esempio di url con parametri è questo: www.miosito.it?order=asc

A volte però, anche se i parametri passati sono differenti, il contenuto della pagina non cambia, ed è per questo che Google ci da la possibilità di indicargli il ruolo che questi parametri ricoprono.

Tutto questo è utile per evitare i contenuti duplicati, che sono uno dei fattori negativi per il posizionamento.

In questa sezione Google ci comunica i parametri che lui ha rilevato durante le scansione e sarà nostro compito comunicargli in che modo questi influiscono sul contentuo della pagina.

Attenzione che se impostiamo questa sezione non correttamente possiamo causare una non indicizzazione di un intera parte del nostro progetto web.

Hai una domanda su questa lezione?

Accedi al video corso


  1. francesco.arnesano
    francesco.arnesano dice:

    Consultando l’indicizzazione del mio sito come indicato keyword site:miosito.com, ho scoperto che google ha ancora indicizzati gli articoli ripartiti per categorie e tag, per evitare doppioni penalizzanti, ho tolto l’indicizzazione di questi componenti, google comunque ci mette un po’ a re-indicizzare il sito, giusto?
    O devo fare qualcosa io oltre ad aggiornare sitemap xml e robot.txt?
    Grazie mille in anticipo

    Rispondi
    • Lorenzo
      Lorenzo dice:

      Ciao Francesco,
      come ti dicevo nella risposta precedente Google ci mette un po’ a ripassare sul tuo sito.
      Se hai particolare fretta per una pagina puoi utilizzare lo struemento di Search Console > Scansione > Visualizza come Google.
      Qui inserisci la URL della tua pagina, scegli se per desktop o mobile, premi il pulsante Recupera e segui il procedimento.
      Attenzione, anche qui non è immediato, ma semplicemente “fai una richiesta”.

      Comunque in linea generale, ai giorni nostri, Google è molto più rapido. Dovevi vedere 20 anni fa!

      Inoltre, se per qualche motivo non vuoi più avere delle pagine all’interno dell’indice di Google, allora ti consiglio di fare dei Redirect, come spiegato nella lezione “Redirect 301 per la SEO“.

      PS: occhio a non toccare troppo il file robots. Se sbagli qualcosa ti giochi l’indicizzazione. Fra l’altro ai giorni nostri, tranne per particolari esigenze, non bisogna fare particolari impostazioni. Ecco un esempio di un file robots di un sito WordPress:

      User-agent: *
      Disallow: /wp-admin/
      Allow: /wp-admin/admin-ajax.php

      Buona giornata

Corso WordPress GRATUITO

INSERISCI NOME E MAIL PER ACCEDERE ALLE PRIME LEZIONI GRATUITAMENTE.

Zero spam. Garantito.

Corso Wordpress Gratis

Inizia il Corso di WordPress GRATIS!

Inserisci nome ed email per avere l'accesso gratuito alle prime lezioni del corso. Impara a costruire da solo il tuo sito web!

Ci sei quasi! Ti abbiamo mandato un'email per confermare il tuo indirizzo di posta.

Pin It on Pinterest